sabato 29 novembre 2008

LA PROFEZIA DI DON ORIONE SUL FEMMINISMO E L'ATTACCO ALLA FAMIGLIA SI E' AVVERATA

San Luigi Orione in maniera profetica aveva previsto, già all'inizio del secolo scorso, l'attacco alla famiglia al quale stiamo assistendo in questi anni ed ha avuto ragione anche sul tema del ruolo del femminismo nel mondo cattolico. Riportiamo di seguito un brano di un suo articolo, datato 1919, dove il santo parla proprio di questi temi.

Simile ad uno scolaro che lascia il collegio per andare in vacanza, dopo un lungo anno di reclusione, la donna si è trovata, dopo le più recenti invenzioni e specialmente durante questa lunga guerra, si è trovata lanciata in una vita di libertà, di movimento e anche di lavori che non aveva mai conosciuto.
La donna sino a ieri era rinchiusa nello stretto cerchio della vita della famiglia, e quelle che ne uscivano erano un'eccezione.
Oggi la donna entra da per tutto. Le donne del popolo entrano nelle fabbriche, ove non si richiede che destrezza e intelligenza, essendo la forza muscolare rimpiazzata dalla forza motrice della macchina. Oggi poi una quantità di nuovi impieghi sono dati alle donne: Le Scuole Elementari anche maschili e Superiori; sono date alle donne le Scuole Tecniche, i Ginnasi, i Licei, le Università sono aperte alle Professoresse; uffici di posta, di telefono, di telegrafo, esattorie, libri di conti, casse, tram elettrici, fattorine, ecc. tutti posti che avvezzano la donna a lavorare fuori di casa, a fare da sé, a entrare in competenza con l’uomo, ad essergli preferita; onde una nuova situazione sociale.
La donna è divenuta la maggioranza in tutti i paesi, e le donne non maritate saranno domani in Italia, le più numerose.
E’ cristiano, è caritatevole occuparsi del femminismo, o meglio della famiglia cristiana.
L'attacco contro questa fortezza sociale che è la famiglia cristiana, custodita e mantenuta dall'indissolubilità del matrimonio, ora latente ancora, vedete che domani diventerà furioso.
Il femminismo è una parte ed importantissima della questione sociale, e il nostro torto, o cattolici, è quello di non averlo compreso subito. Fu grande errore.
Il giorno in cui la donna, liberata da tutto ciò che chiamiamo la sua schiavitù, madre a piacer suo, sposa senza marito, senza alcun dovere verso chichessìa, quel giorno la società crollerà più spaventosamente all'anarchia che non abbi crollato la Russia al bolscevismo.
Troppa poca gente ancora comprende la questione femminista. Confessiamolo francamente, noi cattolici abbiamo trattato il femminismo con una leggerezza deplorevole. Si vanno ancora oggi ripetendo dai più severi i vecchi scherzi di Molière, le spiritosaggini dei Gaudissarts. Ma noi qui vediamo che il ridicolo non ammazza nulla, e meno che meno il femminismo. Esso si è insidiato da per tutto, formando leghe e comitati, ispirando riviste e giornali, trattando tutte le questioni che interessano la donna.

Da un articolo di san Luigi Orione del 18 maggio 1919 pubblicato sul periodico "La Val Staffora"




Ed ecco che oggi questa profezia si è avverata:
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2007/01_Gennaio/17/caretto.shtml

http://www.la7.it/approfondimento/dettaglio.asp?prop=ilpuntodilp&video=990

Ecco un altro approfondimento:
http://www.kattoliko.it/leggendanera/modules.php?name=News&file=article&sid=1302

Sarei curioso di sapere cosa ne pensate

3 commenti:

Caterina ha detto...

è importante cosa penso io? Ho 20 anni e quasi mi rassegno... ma poi mi si apre la pagine del 7 gennaio..

non voglio pensare.

Giusto?!

Saulo ha detto...

Forza Caterina!
Visto che la Provvidenza sa consolarci al momento giusto?!
Hai solo 20 anni (io ne ho 25...), la vita davanti, tieniti stretta a Gesù e grida con me: "Gesù, confido in Te!".
Se il dolore ti assilla, posso ricordarti una cosa: quando lo scultore scalfisce con lo scalpello un pezzo di marmo chissà cosa direbbe il marmo se potesse parlare...ma solo così lo scultore può trasformare quel pezzo di marmo grezzo in un'opera d'arte!
Così fa Dio con la nostra anima: con il dolore ogni tanto ci scalfisce, taglia i nostri rami secchi, le nostre false sicurezze, raddrizza le nostre vie, ma solo perchè vuole renderci perfetti, vuole fare di noi un'opera d'arte.
Confidiamo sempre in Lui...soprattutto quando con i nostri occhi sensibili non vediamo il cielo sereno...
Pace a te, Caterina!

Saulo ha detto...

Ah....dimenticavo...
ricorda di pregare il Rosario, è una preghiera potentissima!
Se lo preghi con il cuore da subito sentirai dentro di te un grande sollievo e ti darà la forza per affrontare giorno dopo giorno i problemi della vita...BACI!